Docenti precari e indennità NaSpI

image_print

Con la chiusura dell’anno scolastico gli insegnanti precari e i supplenti possono presentare domanda per richiedere l’indennità NaSpI che è destinata alle persone disoccupate.

I docenti che vogliono presentare la domanda di disoccupazione hanno a disposizione 68 giorni a partire dalla fine del contratto, ma è consigliabile inoltrare la stessa il prima possibile perché l’indennità decorre dall’8° giorno dal termine del contratto. Se la domanda viene presentata oltre l’8° giorno dalla fine del contratto (ma comunque entro il 68°) la decorrenza della disoccupazione slitta invece al giorno successivo rispetto alla presentazione della richiesta, creando così un vuoto nella posizione contributiva del lavoratore. Per poter ottenere l’indennità NaSpI è necessario avere i seguenti requisiti:

  • essere in stato di disoccupazione;
  • aver versato almeno 13 settimane di contributi nei 4 anni precedenti la fine del contratto;
  • avere effettuato almeno 30 giornate di lavoro effettivo nei 12 mesi prima della cessazione del contratto.

La domanda per ottenere l’indennità NaSpI deve essere presentata all’Inps per via telematica, per inoltrare la domanda sono necessari:

  • documento d’identità e codice fiscale;
  • coordinate bancarie/postali (codice IBAN);
  • modulo SR163 compilato, firmato e timbrato per la parte di propria competenza dalla Banca o Ufficio postale di riferimento, escluso i casi in cui lo stesso modulo non sia già stato presentato in occasione di una precedente domanda di disoccupazione NaSpI e il codice IBAN non risulti nel frattempo variato;
  • copia del contratto di lavoro e ultime tre buste paga di cui si è in possesso;
  • in caso di richiesta degli assegni per il nucleo familiare, sono necessari il CU e la dichiarazione dei redditi (Modello 730/Unico) relativi agli anni 2016 e 2017 dei componenti del nucleo familiare.

È importante ricordare che con l’invio della domanda di indennità NaSpI si rilascia la Dichiarazione di Immediata Disponibilità a nuova occupazione (DID). A seguito, il lavoratore disoccupato deve presentarsi entro 15 giorni presso il Centro Per l’Impiego per stipulare il Patto di Servizio Personalizzato (PSP) che gli consente di mantenere l’indennità NaSpI e di entrare in un percorso agevolato per la ricerca attiva di un lavoro. Il docente e il supplente precario devono inoltre ricordare che, durante la fruizione dell’indennità di disoccupazione, hanno l’onere di trasmettere all’Inps il modello NaSpI com quando si verificano situazioni che possono incidere sul diritto al pagamento dell’indennità stessa, come malattie, avvio di attività lavorative autonome o parasubordinate, espatri alla ricerca di nuova occupazione.

Gli operatori del Patronato ACLI della provincia di Alessandria saranno a tua disposizione in tutte le fasi di presentazione della domanda NaSpI: verificheranno con te se hai diritto all’indennità, per quanto tempo, l’importo che ti spetta, ti assisteranno nell’invio telematico della domanda e nell’intero iter della pratica. Per parlare con i nostri consulenti puoi fissare un appuntamento telefonando alla sede più vicina a te, siamo ad Alessandria, Acqui Terme, Casale Monferrato, Novi Ligure, Tortona e Valenza.

Il Direttore – Mariano Amico

 

Condividi
  • 4
  •  
  •  

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *