Chi ha diritto all’integrazione al trattamento minimo?

image_print

Con l’integrazione al trattamento minimo nel 2018 le pensioni raggiungono un importo pari a 507,42 euro, la cifra deriva dall’applicazione della rivalutazione automatica nella misura dell’1,1% sull’importo minimo in pagamento nel 2017 (che era 501,89 euro).

L’integrazione al trattamento minimo è un beneficio che lo Stato corrisponde al pensionato quando la sua pensione, derivante dal calcolo dei contributi versati, è di importo basso, cioè al di sotto di quello che viene considerato il “minimo vitale”. In questo caso l’importo viene aumentato (integrato) fino a raggiungere una cifra fissata dalla legge.

Il trattamento minimo non spetta sulle pensioni supplementari e sulle pensioni calcolate esclusivamente con le regole del sistema contributivo, mentre l’assegno ordinario di invalidità è soggetto a particolari norme in materia.

Per verificare il diritto all’integrazione al trattamento minimo occorre considerare i redditi personali del pensionato e, per le pensioni con decorrenza successiva al 1994, anche quelli del coniuge. Per ottenere il beneficio non si devono superare entrambi i limiti di reddito (personale e cumulato).

L’integrazione al minimo, dunque non viene attribuita quando il reddito personale superi i limiti di legge, anche se il reddito cumulato con quello del coniuge sia inferiore. Lo stesso accade nella situazione opposta, cioè quando, pur essendo il reddito personale inferiore ai limiti di legge, il reddito cumulato con quello del coniuge superi tali limiti. L’integrazione può spettare anche in misura parziale.

Il reddito da considerare è il reddito assoggettabile all’IRPEF, con l’esclusione della casa di abitazione, dei trattamenti di fine rapporto, delle competenze soggette a tassazione separata e della stessa pensione a calcolo da integrare. Vanno ricompresi anche i redditi acquisiti all’estero o derivanti da lavoro presso organismi internazionali che, se prodotti in Italia, sarebbero assoggettati all’IRPEF.

Se un pensionato, titolare di una pensione integrata al minimo, supera in un determinato anno il tetto di reddito, mantiene in pagamento l’importo mensile in vigore il 31 dicembre dell’anno precedente (cosiddetta “cristallizzazione).

Il trattamento minimo – Mensile e annuo
Dal 1° gennaio 2018 Pensioni al trattamento minimo
Importo mensile 507,42 euro
Importo annuo 6.956,46 euro

 

Come si calcola l’integrazione nel 2018
Pensioni con decorrenza successiva al 1994
Limiti di reddito personale Limiti di reddito coniugale (2018)
Tetto oltre il quale l’integrazione non spetta Oltre 13.192,92 euro Oltre 26.385,84 euro
Soglia entro la quale l’integrazione spetta sempre Fino a 6.596,46 euro Fino a 19.789,38 euro
Margine di reddito entro il quale il diritto all’integrazione deve essere calcolato in misura personale Oltre 6.596,46 euro e fino a 13.192,92 euro Oltre a 19.789,38 euro e fino a 26.385,84 euro
Per le pensioni con decorrenza anteriore al 1° gennaio 1994 si devono considerare solo i limiti di reddito personale

Il Direttore – Mariano Amico

Condividi
  •  
  •  
  •  

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *