Lavoro domestico ecco il nuovo CCNL

image_print

Dal 1° ottobre 2020 è entrato in vigore il nuovo Contratto Nazionale (CCNL) sulla disciplina del rapporto di lavoro domestico, che era atteso dal 2016. Il nuovo contratto introduce alcune significative novità come l’aumento retributivo in un settore, quello del lavoro domestico e di cura, diventato fondamentale in Italia, crocevia di alcuni dei principali problemi della nostra società: quello delle famiglie che privatamente devono affrontare e gestire la non autosufficienza di alcuni componenti, la cura dei minori e la conciliazione lavoro e famiglia.

Gli aumenti retributivi scatteranno dal 1° gennaio 2021 e saranno in media di 12 euro mensili. A partire dal 1° ottobre 2020 dovranno però essere riconosciute le indennità variabili introdotte per alcuni profili professionali, ovvero le baby-sitter che assistono minori di 6 anni e gli assistenti familiari che assistono all’interno dello stesso nucleo familiare più di una persona non autosufficiente.

Fra le principali novità del nuovo CCNL troviamo: l’introduzione di un orario convenzionale per il pagamento dei contributi per le persone addette a discontinue prestazioni notturne di cura alla persona e alle prestazioni esclusivamente d’attesa; l’aumento del periodo di prova a trenta giorni per tutti i lavoratori conviventi; l’aumento delle ore di permesso per partecipare a corsi di formazione promossi dall’ente bilaterale di comparto; la possibilità di utilizzare i permessi anche per le incombenze legate al rinnovo del permesso di soggiorno; l’introduzione di uno specifico congedo per le donne vittime di violenza di genere.

Il nuovo contratto si applica a tutti coloro che sono addetti al funzionamento della vita familiare oggi riuniti in una definizione unitaria, gli assistenti familiari, in cui poi si riconoscono differenti profili professionali (colf, badanti, baby-sitter…).

Il settore del lavoro domestico oggi coinvolge circa 900.000 lavoratori in maniera regolare, composto in prevalenza da donne e immigrate, e vede altrettanti lavoratori assunti irregolarmente.

Le operatrici del Patronato ACLI della provincia di Alessandria sono a tua disposizione per darti tutto il supporto necessario e le informazioni sul nuovo CCNL, chiama lo 0131.25.10.91 e/o scrivi a info.alessandria@acli.it per fissare un appuntamento presso l’ufficio più vicino.

Il Direttore – Mariano Amico

Condividi
  •  
  •  
  •  

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *