Orario di lavoro nel lavoro domestico

image_print

In base al Contratto Nazionale del lavoro domestico (Art. 14), l’orario di lavoro e la sua collocazione settimanale deve essere indicato e specificato in un atto scritto (lettera di assunzione) firmato da entrambe le parti.

Nel contratto a ore, la distribuzione oraria è concordata dalle parti e l’orario giornaliero massimo è di 8 ore consecutive, per un totale di 40 ore settimanali, da distribuire su 5 oppure su 6 giorni.

Quando l’orario si concentra tra le 22,00 e le 06,00 si parla di lavoro notturno.

Per ciò che riguarda la distribuzione oraria nei contratti in regime di convivenza il CCNL disciplina regole differenziate. Se l’orario di lavoro è ridotto la sua collocazione dovrà essere concordata dalle parti, mentre se il contratto è a tempo pieno la distribuzione dell’orario di lavoro è interamente fissata dal datore di lavoro.

In generale l’orario di lavoro giornaliero non può superare le 10 ore non consecutive, per un massimo di 54 ore settimanali.

Per i contratti in regime di convivenza bisogna poi rilevare un’ulteriore specifica. I lavoratori inquadrati nei livelli C. B. BS e gli studenti compresi tra i 16 e i 40 anni (che frequentano un corso di studi al termine del quale viene rilasciato un titolo riconosciuto dallo Stato) possono essere assunti con orario fino a 30 ore settimanali e la distribuzione oraria deve rientrare tra queste fasce orarie:

  • interamente collocato tra le ore 06,00 e le ore 14,00;
  • interamente collocato tra le ore 14,00 e le ore 22,00;
  • interamente collocato in non più di tre giorni settimanali per un massimo di 10 ore al giorno non consecutive

Per una corretta gestione del tuo contratto di lavoro domestico, le operatrici del Patronato ACLI provincia Alessandria sono a tua disposizione, chiama il numero unico provinciale 0131.25.10.91 o scrivi a mondocolf.alessandria@patronato.acli.it per fissare un appuntamento nell’ufficio più vicino.

Grazie al finanziamento 5xmille IRPEF 2020 – progetto “Family Care – Punto Famiglie” si può promuovere la divulgazione delle notizie e informazioni legate al lavoro domestico, all’attività delle Assistenti Familiari, colf e badanti. In questi anni il progetto “Family Care – Punto Famiglie” si è attivato in ogni sede ACLI della provincia di Alessandria

Il Direttore – Mariano Amico

Condividi
  •  
  •  
  •  

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *