Sabir festival diffuso delle culture mediterranee

image_print

SABIR, ACLI: IMMIGRAZIONE E’ UN PROBLEMA ETICO, DOBBIAMO DIRE DA CHE PARTE STIAMO

“Vogliamo dire che noi non ce ne freghiamo dell’Europa e dei suoi principi fondanti, come la libertà e l’uguaglianza, per questo crediamo che il problema dei flussi migratori vada affrontato senza chiusure e ritorni al passato”. Così Roberto Rossini, Presidente nazionale delle ACLI, durante la presentazione di Sabir, il Festival diffuso delle culture mediterranee che quest’anno si svolgerà a Palermo dall’11 al 14 ottobre. “L’immigrazione ormai non è solo più un problema tecnico e organizzativo, ma è prima di tutto un problema etico e noi non possiamo nasconderci, dobbiamo dire nettamente che siamo per la vita, per la difesa di ogni vita e di ogni uomo. Sabir è un simbolo positivo – ha concluso Rossini – perché coinvolge i diretti interessati e ci fa capire come l’immigrazione, oltre alle innegabili problematiche che necessitano non di slogan ma di risposte reali, ragionate e concordate, sia anche un’opportunità per il nostro Paese”.

Il festival, giunto alla sua IV edizione, si svilupperà attorno ai temi della libertà di circolazione delle persone, delle idee, delle culture e dei diritti. Cliccando qui sarà possibile leggere il programma completo.

Ufficio stampa ACLI

Condividi
  •  
  •  
  •  

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *